Panoramica:

martedì 23 agosto 2011

L'ammasso di Pandora ripreso da Hubble, Chandra, VLT e Subaru

Una delle più complesse e drammatiche collisioni tra ammassi galattici è effigiata in questa splendida immagine composita realizzata dal telescopio Chandra, dal telescopio Hubble, dal Very Large Telescope (VLT) dell'ESO ubicato a La Silla, in Cile e dal telescopio giapponese Subaru. Questo «cocktail» di osservazioni a diverse lunghezze d'onda hanno dato vita a quest'immagine mozzafiato che rappresenta Abell 2744, conosciuto anche come Ammasso di Pandora per la grande varietà di oggetti visibili al suo interno.
Abell 2744
Abell 2744 ripreso ai raggi–X
Il «nucleo» dell'immagine mostra una struttura visibile solo all'occhio ai raggi–X di Chandra, che separa lo strato superiore di colore rosso (ossia gas surriscaldato) dallo strato inferiore con sfumature blu e viola, che si suppone essere materia oscura. Questa separazione è causata dal fatto che alcune forze elettriche generate dalla collisione fra particelle nelle nubi di gas caldo creano attrito che le rallenta, mentre la materia oscura non è influenzata da tali forze.

Abell 2744
L'immagine in luce visibile dell'ammasso in questione.
In alto a destra nell'immagine è visibile una separazione ancor più accentuata, dove – sorprendentemente – il gas caldo è ben 500 mila anni luce più vicino a noi rispetto alla materia oscura. Questa sorprendente scoperta potrebbe far nascere uno scenario a «catapulta», dove, in un'interazione passata, il gas è stato letteralmente lanciato fuori dal complesso. Sono visibili altre separazioni in alto e centro-destra.
Gli scienziati che hanno creato queste immagini hanno dedotto che, in questa suggestiva interazione paragonabile ad una lenta danza galattica, sono stati chiamati in causa ben quattro ammassi galattici provenienti da luoghi diversi. Per meglio capire questa violenta storia, è bene conoscere la materia che compone Abell 2744. Nonostante siano estremamente brillanti, le galassia compongono solo il 5% dell'ammasso. Il resto è gas caldo visibile solo ai raggi–X, che compone il 20%, e materia oscura, che compone il restante 75%.
Dietro a questa storia violenta si nasconde però un panorama spettacolare come quello ripreso da questi quattro telescopi.

Fonte

0 commenti:

Posta un commento

lasciate pure i vostri commenti! oppure scriveteci per email: a370gradi@yahoo.it

Vetrina Aggiornamenti

Iscriviti per email

Archivio Blog

Blog Archive